“Verdi e Roma” – mostra all’Accademia dei Lincei

Mostra Verdi-58Innanzitutto un piccolo aneddoto sulla nascita di una delle arie più popolari che Giuseppe Verdi scrisse.

Dopo la perdita di sua moglie e dei suoi due figli, Verdi si ritrovò solo e disperato e un’opera lirica da scrivere, che secondo il commissionante doveva essere comica.

Si narra allora che un suo amico gli sottopose il libretto del Nabucco, soggetto biblico. Il compositore e musicista, però non ebbe l’animo di leggere e adagiò il libretto da una parte, senza neanche dargli uno sguardo.

Una sera, volendo mettere ordine tra le proprie carte, questo libretto cadde a terra e si aprì proprio sui versi di “Va pensiero”.

Verdi lo lesse più volte, non andò a dormire e cominciò a musicare questi versi. Lesse anche tutto il resto del libretto e nacque infine quell’opera, che gli dette il primo grande trionfo.

Verdi amava Roma e i romani, ma molto meno i teatri della capitale italiana. Già allora ne denunciò la cattiva e sopratutto superficiale gestione.

Questa mostra si concentra su costumi di scena delle quattro opere rappresentate a Roma: Il TrovatoreLa battaglia di LegnanoUn Ballo in Maschera e il Falstaff.

Nelle sale magnifiche della Biblioteca dell’Accademia dei Lincei, tra libri, libretti, bozzetti di scenografie e lettere scritte da Giuseppe Verdi, possiamo ammirare i magnifici e preziosi costumi.

Un allestimento magnifico, sottolineato dalle arie di Verdi. Uno spettacolo da non perdere.

Ecco il link alla galleria di immagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *